Cronaca NA

Torre Annunziata, bagnini in pausa pranzo mentre la piccola Vittoria annegava

Torre Annunziata. L’inchiesta sulla tragedia della piccola Vittoria annegata al lido Risorgimento si indirizza sulla presenza dei bagnini nello stabilimento balneare. Ieri all’ora della tragedia erano in pausa pranzo e nessuno si è accorto, neanche i bagnanti che erano sulla battigia, che la piccola mentre giocava in riva al mare era stata travolta da un’onda e trascinata via, al largo. Li è rimasta per circa due ore e nessuno si è accorto della sua presenza vicina a una boa. La piccola di 4 anni, ha cercato con tutte le sue forze di aggrapparsi alla vita mentre intorno partivano le ricerche. Quando la madre si è accorta della sua assenza e ha lanciato l’allarme si è pensato subito a un rapimento. Nessuno invece ha pensato di guardare in mare. Nessuno ha pensato di chiedere ai bagnini di prendere la barca di salvataggio e fare un giro nello specchio d’acqua del Lido. Solo dopo qualche ora quando la foto della piccola era stata diffusa via social, un carabiniere libero dal servizio che era sul lido con la famiglia, ha avvertito i colleghi di Torre Annunziata e quindi la Capitaneria di porto. E quando la motovedetta è arrivata nel tratto di mare interessato è bastato poco per ritrovare la piccola Vittoria. Ma era troppo tardi. O meglio la piccola era ancora viva ma aveva ingerito tanta acqua che le avevano riempito i polmoni. E quando è arrivata in ospedale a Castellammare per circa un’ora i medici della rianimazione hanno fatto di tutto per salvarla. Ma non ci sono riusciti. Era troppo tardi. Si troppo tardi: due ore, due ore maledette. Troppo tempo è passato dalla sua scomparsa al ritrovamento in mare. Due ore di ricerche senza un coordinamento. Due ore a cercare un mostro inesistente. La piccola Vittoria invece era in mare che cercava aiuto. E nessuno si è accorto di lei o meglio nessuno ha pensato di cercarla in mare: la cosa più semplice. L’inchiesta della magistratura dovrà chiarire i tanti punti oscuri della ricerca della piccola e intanto una famiglia piange la scomparsa della sua bambina. Una tragedia che sicuramente poteva essere evitata.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker